mondocdphome
 
NO ALLA CACCIA


“Ogni impulso di uccidere gli animali senza giustificazione, ogni maltrattamento e ogni crudeltà verso di loro, vanno senz’altro condannati. Anche perché tale comportamento esercita una nefasta influenza sull’animo dell’uomo e tende a renderlo abietto.”
Papa Pio XII

caccia

Ogni anno negli Usa oltre 100 milioni di Cani della prateria sono vittime di una guerra condotta da un esercito di 730 mila cacciatori.

cacciatori
I poveri cdp vengono ferocemente terrorizzati dagli spari, addentati dai cani, braccati dai cacciatori nelle praterie o uccisi da quelli nascosti negli appostamenti. Molti, i più fortunati, muoiono quasi subito trafitti da una scarica di pallini che spappolerà il loro corpo in mille parti;

cdp
Altri feriti moriranno tra atroci sofferenze lontano dai loro carnefici. Un vero e proprio assassinio di massa autorizzato dagli Usa e compiuto da chi, per divertimento, imbraccia un fucile e uccide una vita. La caccia dei cdp oltre che un’attività immorale ed inaccettabile, è il principale e più efferato autore della distruzione della fauna, provoca l’estinzione locale dei cdp, altera gli equilibri ecologici, aiuta a diffondere malattie, causa l’avvelenamento da piombo di cdp che ingeriscono i pallini delle cartucce , provoca gravi sofferenze degli animali feriti. Nessuno ha il diritto di uccidere animali per divertimento, né può negare che gli animali soffrano e abbiano diritto di vivere nel loro ambiente. Ci sono addirittura stati che organizzano safari, ti forniscono la jeep, la tuta, e un fucile per divertirsi a sparare ai cani della prateria.

mirino

RECUPERO

 

Oggi per fortuna ci sono associazioni che fanno opere di recupero di cdp in zone non protette o zone cittadine, per trasferirli in zone più tranquille e isolate o addirittura in altri stati dove la caccia ai cdp è vietata.


cartello

Ai cittadini viene spiegato che il cdp non è una animali commestibile ne si può usare il suo manto come pelliccia, quindi sarebbe uccidere un animale solo per sport. In alcune strade vengono messi cartelli per segnalare il pericolo di attraversamento cdp. In risposta i cittadini di molti Stati hanno manifestato contro chi, come i cacciatori, non rispetta questi animali mettendosi dalla parte dei cdp.


manif bazooka

Altri come, Larry Haverfield ha “donato” i suoi 6,000 acri di terreno ai “cdp” i quali possono vivere liberamente.


larry

Il recupero viene fatto in vari modi: la macchina aspiratrice, cattura in movimento o con la schiuma che poi è la più usata e qulla che non stressa l’animale. Viene inserito un tubo nell’ ingresso principale della tana, dal tubo uscirà delle schiuma:


schiuma

I cdp saranno obbligati ad uscire dall’ingresso secondario (che normalmente viene creato da loro per sfuggire dai predatori). All’ uscita li attendono i volontari che asciugati per bene li collocano nelle gabbie, da lì saranno pronti per essere trasferiti presso una nuova prateria più sicura.


recupero

Valeria Ricevuto